L’unione tra Mente e Corpo è alla base del benessere psico-fisico

Articolo precedente: L’ideatore-del-metodo-Ritm-U®

Da ragazzo a scuola ero attirato da 3 materie: la biologia, la filosofia e la psicologia. Dopo tanti anni, lavorando come osteopata a contatto col corpo dei pazienti e facendo un percorso di crescita personale, ho capito che non a caso queste 3 materie assieme formano il quadro completo dell’essere umano.

Biologia  

Sono sempre stato molto affascinato dalla perfezione delle macchine organiche. La tecnologia biologica progettata da madre Natura è di una precisione e di un’intelligenza incredibile; pensa, è sufficiente tu abbia una sola molecola in meno, su un insieme di miliardi di molecole, per ammalarti.

A mio avviso non dovremmo mai smettere di studiare, sotto tutti i punti di vista, le macchine organiche perché hanno ancora tantissimo da insegnarci. La ‘macchina Uomo’ ha però qualcosa in più rispetto a tutte le altre macchine organiche, qualcosa che solo noi homo sapiens sapiens abbiamo: la Mente!

Filosofia

Sin da piccolo mi sono sempre posto domande esistenziali perché per me c’era altro oltre a quello che potevo vedere e toccare; per questo motivo mi sono sempre trovato bene nel ‘mio mondo’ a fare disquisizioni filosofiche. La cosa interessante è che, in realtà, queste mie ricerche mentali non hanno mai dato risposte concrete alle mie domande, diciamo che mi hanno sicuramente tenuto occupato la Mente. In effetti, per me, la filosofia più che dare risposte serve a mantenere viva quella parte della Mente che preferisce stare in una dimensione virtuale.

A me piace ‘filosofeggiare’, ad un altro magari piace leggere, ad un altro ancora progettare il proprio futuro etc … ; il punto in comune di tutte queste attività mentali è che rimangono in uno spazio virtuale. C’è un bellissimo libro (ti consiglio vivamente di leggerlo) “Homo sapiens – da animali a dei” di Yuval Noah Harari che spiega la peculiarità dell’essere umano: credere in quello che non esiste, ciò gli ha permesso di dominare tutte le altre specie animali.

Psicologia

La mia più grande passione in realtà è la psicologia. Ricordo che già a 13 anni mi divertivo a ‘rompere’ gli schemi mentali dei miei compagni di scuola per poi osservare le loro reazioni: quando trovavo uno convinto delle proprie idee, ero abilissimo a trovare il tassello che smontava la struttura di tale idea.

Il mio percorso di vita mi ha fatto avvicinare inevitabilmente alla filosofia orientale, in particolare alla filosofia taoista, che è alla base della Medicina Tradizionale Cinese (MTC). In questo percorso, due cose mi hanno colpito:

  • ho scoperto che da sempre e in modo innato avevo una visione taoista della vita, senza nemmeno sapere cosa fosse il taoismo. Voglio sottolineare che ero taoista nella Mente ma non nelle azioni.
  • la filosofia orientale è molto pragmatica, non è per niente mentale come mi diceva sempre mia madre. praticamente tutto passa prima attraverso l’ascolto del Corpo.  

Questo secondo concetto è fondamentale e ti spiego perché!

Il termine psicologia deriva dal greco ‘psiche‘=anima e ‘logos‘=studio e si può definire come lo studio dell’essenza dell’essere umano:

  • in occidente la si studia prettamente attraverso la Mente, e penso che ciò sia un retaggio della cultura cristiana, nella quale il corpo veniva considerato come il peccato
  • in oriente invece la si studia attraverso il Corpo

Quindi, per raggiungere lo stesso risultato, ci sono due strade diametralmente opposte:

  • quella occidentale, ha separato la Mente dal Corpo potenziando all’estremo la razionalità, quindi la parte mentale dell’essere umano
  • quella orientale, ha sviluppato tante tecniche fisiche (pranayama, yoga, tai chi, qi gong…) che richiedono un attento e profondo ascolto del Corpo.

Quale delle due è la più vincente?

  • Il primo approccio ha sicuramente permesso lo sviluppo del progresso tecnologico e scientifico, madre del nostro benessere moderno. Il punto negativo è che un’eccessiva ‘robotizzazione’ della nostra vita indebolisce sempre di più la nostra ‘macchina organica’. Se raggiungere la propria essenza è sinonimo di benessere psico-fisico, ovvero di equilibrio Mente-Corpo, allora tale approccio ha fallito. Purtroppo vedo l’uomo moderno occidentale immerso nei beni materiali superflui, stressato ed infelice, che si lamenta perché ne vorrebbe ancora di più
  • Il secondo approccio è molto più impegnativo ma sicuramente più appagante e ricco di consapevolezza sia verso se stessi sia verso la Natura

Ritengo che il giusto sia sempre nel mezzo: non sto dicendo che uno debba lasciare tutto e rinchiudersi in un monastero zen, bensì capire che non è consumando di più che si è più felici e realizzati ma semplicemente ricontattando il proprio Corpo. Quando parlo di lavoro fisico non intendo fare sport per stimolare soltanto l’apparato locomotore, ma ascoltarsi e connettersi col proprio Corpo, soprattutto attraverso una respirazione diaframmatica.

Il metodo Ritm-U® per esempio è una tecnica di respirazione diaframmatica, semplice da imparare, che ti permette di connetterti col tuo Corpo e senza ammazzarti di esercizi.

Grazie per avermi letto! Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo sui tuoi social…

Un abbraccio

Articolo successivo: L’interconnessione Mente-Corpo

Foto Designed by yanalya / Freepik

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

×

Ciao! Chiedi informazioni via Whatsapp

×